Spesometro: slittato al 1° luglio

Spesometro: slittato al 1° luglio

Il differimento di due mesi è stato disposto ieri con provvedimento del direttore dell’agenzia delle Entrate, Attilio Befera, per consentire il completamento dei «necessari adeguamenti, anche di tipo tecnologico, connessi all’adempimento».

I commercianti, dunque, non dovranno più comunicare già dal prossimo 1° maggio al Fisco i dati relativi agli acquisti di beni e servizi superiori alla soglia dei 3.600 euro, Iva inclusa, per i quali non è prevista l’emissione di fattura.

Continua a leggere su:

Lo spesometro slitta al 1° luglio – Il Sole 24 ORE.