In quattro si erano licenziati nel giro di sei mesi per aprire un’altra società La Smh Technologies, azienda di Villotta specializzata nella produzione e sviluppo di micro componentistica di precisione, teme di essere rimasta vittima di un caso di spionaggio industriale. Sospetta quattro ex dipendenti che lo scorso anno, nel giro di sei mesi, hanno dato le dimissioni costituendo una nuova società, la Algocraft srl, attiva nel Polo tecnologico della Comina. A fine gennaio l’amministratore unico Claudio Stefani, attraverso l’avvocato Francesco Furlan, ha presentato una circostanziata denuncia-querela in Procura ipotizzando un «attacco commerciale» attraverso una «struttura parallela» che utilizzerebbe «strumenti, mezzi e informazioni acquisite grazie al precedente rapporto di lavoro con la Smh».

……..

Continua a leggere su:

IL GAZZETTINO Online: il quotidiano del NordEst.