Il famoso dilemma di Nanni Moretti su come farsi notare di più a una festa corre il rischio di diventare fortemente inattuale nell’epoca di Facebook e dei telefonini intelligenti. Se il desiderio è infatti quello di emergere, far vedere la propria faccia, i social network e le nuove abitudini digitali servono proprio a questo. Quando al contrario la volontà diventa quella di passare inosservati, allora la questione si fa tremendamente più difficile: possiamo infatti essere tracciati nelle nostre attività in rete ma anche durante una semplice passeggiata in strada dagli occhi «indiscreti» delle telecamere oppure individuati ogni volta che facciamo un acquisto con la carta di credito.

…….

Continua a leggere su:

Sempre rintracciabili con un «tag». Dal blog Vita Digitale di Federico Cella. Corriere Della Sera.